Filtropressa: funzionamento della centrale idraulica

Uno dei segreti per valutare una filtropressa di alta qualità, è quello di dare una occhiata a come è fatta la centrale idraulica.

Analizzeremo quindi per un filtropressa il funzionamento della centrale idraulica.

Questa parte è fondamentale in quanto è l’apparato che comanda l’apertura e chiusura del cilindro idraulico che tiene in pressone tutto il nostro sistema durante la fase di filtrazione.

Ci sono una serie di optional – che in verità optional non dovrebbero essere – che una filtropressa performante e sicura non può permettersi di non avere nella propria centrale idraulica.

Livellostato e Termostato

Come prima cosa, per preservare il funzionamento e la vita della centrale idraulica, è bene che vi siano due componenti che in pochi casi si montano ma che sarebbero fondamentali per salvaguardare la vita della centralina stessa: sto parlando del livellostato e del termostato.

Questi due apparati di controllo segnalano se ci sono delle anomalie, ovvero se ad esempio la temperatura dell’olio è troppo alta e potrei avere dei problemi di surriscaldamento, ed ancora il livellostato ci segnala una anomalia se per qualche motivo ho delle perdite di olio e il livello scende sotto la soglia minima.

filtropressa-centrale-idraulica

Tali funzioni di controllo sono molto importanti, perché ci consentono di intervenire prima che sia troppo tardi, dal momento che rovinare una pompa idraulica è un attimo, e così facendo rimango con la macchina ferma.

Sicuramente rendono la centralina più costosa, ma a fronte dei grandi benefici che possono portare, è una speculazione di poco senso.

Garantire infatti per un filtropressa il funzionamento della centrale idraulica è infatti una cosa di vitale importanza.

Scambiatore di calore

Se poi andiamo ad installare la macchina in un luogo caldo, è bene mettere anche uno scambiatore di calore che ci aiuti a tenere sotto controllo la temperatura della centralina.

Altra cosa da considerare per una centrale idraulica sono i dispositivi di sicurezza che spesso non si trovano in tutte le macchine: la prima sono i laccioli di sicurezza, mentre la seconda è la valvola di sovrappressione.

Laccioli di sicurezza

I laccioli di sicurezza sono quei dispositivi il cui compito è appunto quello di ancorarsi saldamente ai tubi idraulici in caso di scoppio ed evitano la frustata di questi componenti che potrebbe risultare micidiale, ricorda che l’olio in pressione di una centrale per filtropressa va dai 250 ai 350 bar.

La valvola di sovrappressione invece è sempre una valvola di sicurezza che però va installata nel fondello del cilindro idraulico.

Questa serve per evitare che le eventuali sovrappressioni che si possono verificare durante la fase di filtrazione non aumentino pericolosamente la pressione all’interno del cilindro: questa valvola infatti manda in scarico nel serbatoio l’eccesso di pressione, evitando dei problemi strutturali nel cilindro.

filtropressa-centrale-idraulica-2

Questi 4 accorgimenti che comunemente non vengono installati in molti filtropressa sono però molto utili sia per quanto riguarda la sicurezza intrinseca della macchina che la incolumità di persone o cose in caso di imprevisto.

Ti è piaciuto questo articolo?

Vorresti scaricare GRATUITAMENTE il nostro e-book sulle filtropresse a piastre e sulle pompe di alimentazione dove è compreso l’intero articolo oltre a molti altri contenuti? Clicca qui e vai alla pagina del download!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *