Funzionamento Filtropressa a piastre

Cos’è un Filtropressa a Piastre

In questo articolo analizzeremo il funzionamento del filtropressa a piastre. Il filtropressa (o la filtropressa) a piastre è una macchina industriale il cui scopo principale è quello di provvedere alla disidratazione di un fluido (spesso chiamato fango) che viene convogliato al suo interno mediante pompaggio in pressione.

Quello che in gergo tecnico viene chiamato “dewatering” è appunto l’azione di riduzione in volume di sostanze liquide che presentano all’interno solidi sospesi.

La separazione solido-liquido ottenuta mediante filtropressa è il sistema che offre i migliori risultati in termini di concentrazione di solido secco ottenibile in confronto ai restanti sistemi di disidratazione.

Settori di utilizzo

La filtropressa è quindi una macchina molto flessibile e può essere impiegata in molteplici settori, ad esempio:

  • Trattamento delle acque reflue;
  • Disidratazione di fanghi di origine civile e industriale;
  • Metallurgico;
  • Recupero cromo, trattamento bagni galvanici e/o trattamenti superficiali;
  • Alimentare;
  • Ciclo produttivo di olii di palma e oliva, filtrazione e brillantatura dei mosti;
  • Cave e inerti;
  • Separazione e riutilizzo delle acque usate nel processo;
  • Chimico e farmaceutico;
  • Processi produttivi di medicinali, antibiotici ma anche di acidi e di chemicals in generale;
  • Lavaggio terreni;
  • Per il trattamento di acque di lavaggio di siti contaminati;
  • Industria minerale;
  • Smaltimento delle sostanze di scarto e riciclaggio sostanze importanti nell’industria metallurgica e dei minerali.

Un filtropressa (o anche filtro pressa) a piastre è una macchina composta da una robusta struttura metallica costituita da una testata fissa, da una testata porta-martinetto e da una testata mobile.

funzionamento-filtropressa-a-piastre

E’ semplice analizzare quindi il funzionamento del filtropressa a piastre: la testata mobile, che scorre tra due longheroni che collegano la testata fissa a quella porta martinetto, viene spinta avanti o tirata indietro dall’azione di un cilindro idraulico in grado di esercitare una forza molto elevata e tale da mantenere accostate le une alle altre una serie di piastre, che costituiscono gli elementi di supporto delle tele filtranti.

Il fango viene pompato entro le camere formate dalle piastre, e il liquido in cui è sospeso il fango viene costretto a filtrare attraverso una serie di tele che ricoprono le pareti delle piastre.

La particolare conformazione delle piastre permette l’alimentazione del fango e l’uscita del filtrato attraverso una serie di fori generalmente praticati nella testata fissa.

Ti è piaciuto questo articolo?

Vorresti scaricare GRATUITAMENTE il nostro e-book sulle filtropresse a piastre e sulle pompe di alimentazione dove è compreso l’intero articolo oltre a molti altri contenuti? Clicca qui e vai alla pagina del download!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *