Filtropressa optional: Lavaggio acido delle tele

Lavaggio acido delle tele

Analizziamo un ulteriore optional del filtropressa: il lavaggio acido.

Quando il fango da filtrare è molto appiccicoso o tende ad incrostare le tele filtranti molto velocemente (provocando problematiche relative a pressione di filtrazione, tempi di filtrazione, ecc…), il lavaggio acido delle tele è il dispositivo che stavi cercando.

Quale acido si utilizza?

Normalmente si utilizza acido cloridrico diluito dal 3 al 5%.

Come funziona il lavaggio acido delle tele?

Innanzitutto occorre evidenziare, anche se può sembrare banale e superfluo, che il lavaggio acido delle tele viene eseguito quando non è presente fango all’interno del volume della macchina. E’ dunque una fase fuori ciclo e solitamente è l’utilizzatore che decide (intervenendo da HMI) ogni quanti cicli o ore di utilizzo vuole eseguire il lavaggio acido (in base al livello di incrostazioni raggiunto dalle tele).

Questo lavaggio funziona ad allagamento; deciso il momento in cui si vuole eseguire il lavaggio acido delle tele, la macchina chiuderà il pacco piastre, attraverso il cilindro idraulico montato nella testata fissa posteriore, in pressione.

A questo punto, attraverso apposite valvole automatiche poste solitamente nella linea delle tubazioni di scarico filtrato inferiori, viene inserito acido cloridrico all’interno del volume della macchina. Il riempimento del filtropressa si conclude quando l’acido inizia a fuoriuscire dai collettori di scarico filtrato superiori. Il segnale di riempimento della macchina può essere ottenuto attraverso una sonda di livello oppure attraverso temporizzatore interno al PLC.

A questo punto tutte le valvole automatiche rimangono tutte chiuse permettendo all’acido di interagire con le tele filtranti scrostandole.

Viene fatto reagire l’acido con le tele per un tempo che può essere stabilito e regolato tramite apposito parametro presente in HMI.

Stabilita la fine del lavaggio acido viene aperta la valvola di scarico acido e, per gravità, l’acido fuoriesce dalla macchina.

In base al tipo di processo che si intende eseguire, l’acido può essere re-inviato allo stesso serbatoio dal quale è stato prelevato, oppure inviato ad un secondo serbatoio dal quale poi dovrà essere raffinato e riutilizzato.

filtropressa-optional-lavaggio-acido

Cosa compone questo dispositivo?

Nel filtropressa, il lavaggio acido fondamentalmente viene realizzato inserendo una serie di valvole automatiche:

  • Valvola di ingresso acido
  • Valvola di uscita acido
  • Valvola/e automatica/e di intercettazione; questa valvola permette di dividere il circuito di ingresso acido da quello di uscita.

Come faccio ad inviare l’acido cloridrico all’interno del filtropressa?

Si può fornire il gruppo di pompaggio dell’acido cloridrico composto da:

  • Serbatoio acido al 3/5%
  • Pompa

Se non si dispone di acido cloridrico al 3/5%?

Nel caso in cui non si riesca a disporre di acido cloridrico alla giusta percentuale (3/5%) ma sono di HCl concentrato, è possibile fornire una stazione di prelievo e diluizione che prelevando dal serbatoio di concentrato, prepari la soluzione all’interno del serbatoio descritto nel punto precedente.

Ti è piaciuto questo articolo?

Vorresti scaricare GRATUITAMENTE il nostro e-book sulle filtropresse a piastre e sulle pompe di alimentazione dove è compreso l’intero articolo oltre a molti altri contenuti? Clicca qui e vai alla pagina del download!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *