Funzionamento dei sistemi di apertura delle piastre filtranti nel filtropressa

Quale sistema di apertura delle piastre utilizzare?

Abbiamo visto in precedenza come una delle discriminanti relativamente a come definire un filtropressa completamente automatico, è appunto il sistema di apertura delle piastre filtranti. Analizziamo ora il funzionamento dei sistemi di apertura delle piastre filtranti nel filtropressa.

Se prendiamo come riferimento le filtropresse a travi laterali, esistono sostanzialmente due sistemi di apertura: quello “At Once” (ovverosia tutte le piastre si aprono assieme) detto anche “simultaneo” e quello “One by One” (viene aperta una piastra filtrante alla volta).

A differenza quindi di un filtro simultaneo, in cui il sistema di apertura è a fisarmonica, l’automatico One by One prevede il distaffaggio di una piastra alla volta.

Quest’ultima tipologia di macchina normalmente viene impiegata nelle filtrazioni in cui ci può essere il rischio che il panello di fango non si distacchi completamente dalla tela.

Apertura One by One: una piastra alla volta

Con la tipologia automatica One by One infatti l’operatore può interrompere il ciclo di apertura piastre della macchina ed intervenire manualmente per rimuovere il panello rimasto attaccato.

Questo sistema di apertura delle piastre filtranti è ottimale per lasciare lo spazio di manovra necessario all’operatore nel caso in cui debba intervenire.

Tale operazione sarebbe infatti molto più problematica nel caso di un filtro simultaneo, in quanto non ci sarebbe lo spazio fisico necessario tra una piastra e l’altra per effettuare la pulizia.

Ciò è dovuto al fatto che lo spazio tra le piastre è poco più grande di un panello (durante l’apertura viene lasciato lo spazio necessario a permettere al pannello di cadere agevolmente).

Fare riferimento alle prove di laboratorio

I dati circa la filtrabilità e l’adesione del fango devono provenire dal laboratorio che in base alle prove effettuate darà un responso atto ad individuare la tipologia di macchina da impiegare.

Inoltre il filtro automatico “One by One” si usa normalmente in tutti quei casi ‘’tradizionali’’ in cui la fase di filtrazione non deve essere veloce.

Al contrario il simultaneo avendo le operazioni di apertura e chiusura praticamente istantanee lo si impiega nella filtrazione di processo in cui necessito di cicli molto veloci e sono sicuro che il panello si distacchi completamente.

Per quanto riguarda il layout vero e proprio della macchina un filtro automatico One by One necessita di un gruppo di distaffaggio a carrello su entrambe le fiancate macchina.

filtropressa-sistema-apertura

In aggiunta a tutto ciò normalmente vengono montate delle barriere fotoelettriche: in normali condizioni di funzionamento, quando queste vengono intercettate (ovvero quando l’operatore si avvicina troppo alla macchina in marcia o quando vuole di proposito farlo per pulire le tele) fermano la macchina e la mandano in arresto.

Lo sblocco e quindi la ripartenza della macchina in questo caso è possibile solo agendo sul pulsante di ripristino posto solitamente sia sul quadro elettrico che sulla macchina.

Oltre a questa differenza a livello meccanico, ne esiste un’altra che è proprio intrinseca al sistema di apertura delle piastre e quindi influenza la lunghezza del cilindro idraulico: in una macchina con apertura One by One, il cilindro idraulico deve effettuare una corsa abbastanza corta, tipicamente 400 o 500 mm, in modo da fornire spazio necessario all’operatore per pulire eventualmente il residuo tra una piastra e l’altra.

Apertura At Once: tutte le piastre simultaneamente

Nel sistema invece di apertura simultaneo, tra ogni piastra e la successiva, si deve avere uno spazio necessario a far cadere il panello esausto. Quindi in definitiva, la corsa che deve compiere il cilindro è proporzionale al numero di piastre ed alla camera filtrante. Il funzionamento dei sistemi di apertura delle piastre filtranti nel filtropressa infatti influenzano il layout stesso della macchina.

Questo spiega perché c’è un limite fisiologico a quante piastre posso installare in una semplice macchina simultanea, dal momento che non posso avere un cilindro idraulico troppo lungo per problemi meccanici costruttivi e resistenziali dovuti al carico di punta.

filtropressa-sistema-apertura-2

Ciò ci introduce al successivo modello di macchina che rappresenta l’evoluzione del funzionamento del filtropressa simultaneo nel caso in cui vi siano più piastre filtranti che necessitano di una apertura at once: sto parlando del “Pacco Multiplo”. In questa tipologia di macchina si divide il numero di piastre filtranti necessarie in più sezioni, ad esempio: 8 sezioni da 30 piastre; ogni sezione viene aperta in maniera simultanea. Quando è finita l’apertura di una sezione procedo con l’apertura della sezione successiva.

filtropressa-sistema-apertura-3

Ti è piaciuto questo articolo?

Vorresti scaricare GRATUITAMENTE il nostro e-book sulle filtropresse a piastre e sulle pompe di alimentazione dove è compreso l’intero articolo oltre a molti altri contenuti? Clicca qui e vai alla pagina del download!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *