Pompa per fanghi o fluidi viscosi

Cose da considerare quando scegli una pompa per fanghi o fluidi viscosi

Quando scegli una pompa per fanghi per il tuo impianto, devi tenere bene a mente il compito di questa e le caratteristiche dell’applicazione di tuo interesse.

Uno degli errori più classici che infatti si può fare è tenere in considerazione solo del prezzo di acquisto che questa potrà avere, senza capire e prevedere i problemi che si potranno avere durante il funzionamento.

Innanzitutto, nei trasferimenti in pressione o nelle applicazioni di alimentazione dei filtripressa, molte volte vengono utilizzate le pompe centrifughe senza una precisa motivazione tecnica.

Infatti è sì vero che questa tipologia di pompe può costare di meno per quanto riguarda l’acquisto iniziale, ma è altrettanto vero che le pompe dinamiche – di questa tipologia fanno parte le centrifughe – hanno dei limiti e degli svantaggi che andremo a vedere.

Pressione massima e rendimento

Innanzitutto le pompe centrifughe, per applicazioni di filtropressa o altre applicazioni, a meno che non ci spingiamo molto in alto con le taglie – e quindi con i costi –  difficilmente superano i 6-7 bar di pressione.

Quindi se hai una applicazione in cui è necessario andare oltre, viaggeremo sicuramente su ordini di potenza installata che possono diventare importanti – a parità di prestazioni con una volumetrica.

In secondo luogo, devi considerare che le pompe centrifughe hanno un rendimento che non è costante e che è massimo solamente in un punto.

Se analizziamo infatti la curva caratteristica di una centrifuga, vediamo che il rendimento ottimale si ha solamente in corrispondenza di un determinato punto che rappresenta una coppia di valori Prevalenza (e quindi pressione) / Portata: esiste un solo punto per il quale si ottiene un rendimento idraulico massimo.

Al di fuori di questo punto, il rendimento cala sempre, quindi se varia la portata o la pressione che hai nel tuo impianto o nella tua applicazione, il rendimento della pompa – che dipende dai triangoli di velocità e quindi da come la pompa è costruita – si abbasserà inesorabilmente.

Tradotto in parole povere: se ti troverai ad operare con la pompa in una condizione di portata e di pressione che non è ottimale (quindi avrai sempre questa condizione), devi mettere mano al portafoglio perché un basso rendimento significa un più alto consumo energetico.

pompa-per-fanghi-1

In sostanza quindi, tutte le volte che nel tuo impianto la condizione di funzionamento si sposta dalla coppia di valori di pressione e portata che corrispondono al massimo del rendimento, stai perdendo soldi perché hai una maggior energia sprecata (la pompa non lavora bene in quella condizione di esercizio).

Vantaggi delle pompe volumetriche

Con le pompe volumetriche è possibile evitare questo, in quanto il rendimento è praticamente sempre costante e la portata non varia al variare della pressione.

Questa è una caratteristica intrinseca a tutte le pompe volumetriche, e quindi anche quelle a pistone o pistone-membrana: la portata è costante indipendentemente dal valore di pressione che si genera (o anche il contrario). Questo perché, la pressione è decisa dalle condizioni di funzionamento del lato operatore.

In questa maniera, il tuo rendimento non cambia al variare dei parametri di processo, ma rimane sempre a valori ottimali.

Le caratteristiche fondamentali delle macchine volumetriche sono:

  • Prevalenza (e quindi pressione) fornita al fluido indipendentemente dalla velocità di rotazione con possibilità di raggiungere valori molto elevati
  • Portata erogata indipendente dalla prevalenza e direttamente proporzionale alla velocità di rotazione (che per le pompe alternative è di valori modesti)
  • Possibilità di pompare liquidi densi e impasti vari
  • Perdite interne praticamente indipendenti dalla prevalenza e corrispondentemente possibilità di rendimenti molto elevati alle alte prevalenze

Se invece vuoi modulare l’assorbimento di potenza della tua pompa per fanghi a seconda delle reali esigenze del tuo impianto, ed in questo modo risparmiare ancora di più (ovvero guadagnare durante l’utilizzo) allora puoi utilizzare una pompa della gamma Autemi, dotato di sistema ESS.

Ti è piaciuto questo articolo?

Vorresti scaricare GRATUITAMENTE il nostro e-book sulle pompe di alimentazione dove è compreso l’intero articolo oltre a molti altri contenuti? Clicca qui e vai alla pagina del download!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *